AGSEP Committee

Da ormai diverso tempo si parla e si discute di bullismo e cyber-bullismo, un fenomeno preoccupante sempre più diffuso e caratterizzato da odiose prevaricazioni che partono dalle semplici derisioni, ma che sovente sconfinano in episodi di vera e propria violenza praticata e subita dai nostri figli. Troppo spesso è sottovalutata la gravità del bullismo, o perché affiora in luoghi a torto ritenuti al riparo da certi comportamenti, oppure perché si è tentati di confondere tali atteggiamenti con la casistica di episodi che fanno parte della “memoria” scolastica di tutti noi. Invece la frequenza con cui tali episodi si presentano e si diffondono, senza risparmiare neanche la nostra realtà scolastica, ci ricorda la necessità di affrontare con la massima serietà tale problema e non considerarlo un “gioco da ragazzi”. L’importanza e la complessità di tale problema è ben consapevole in noi genitori della scuola per l’Europa per le pesanti conseguenze che si determinano per chi subisce e per chi si rende autore di tali soprusi, ma anche perché il numero di implicazioni sociali, culturali e psicologiche, non consente di rispondere con ricette facili ad un problema tanto complesso alla cui soluzione dobbiamo partecipare tutti, scuola, genitori, studenti, istituzioni ognuno secondo le proprie competenze, diritti e doveri. Il fenomeno va probabilmente inteso come sintomo di un malessere profondo che nasconde una serie di problemi che affiorano in modo talvolta drammatico nelle modalità di crescita dei figli, nella “frigidità” delle famiglie dove spesso il dialogo è assente o addirittura ad essere assenti sono i genitori, negli stili di vita di una società che sembra avere del tutto abbandonato ideali di solidarietà e convivenza democratica, e non ultima le soluzioni al mai risolto rapporto di convivenza con gli adulti. La scuola si trova così, suo malgrado, in prima linea a dover far fronte ad un problema che si presenta con sempre più frequenza e per il quale non vi sono risposte semplici così come pare perlomeno problematico trasferire semplicemente sulla scuola un insieme di ruoli e compiti tradizionalmente svolti da altri contesti educativi e formativi. Allo stesso tempo, a nostro avviso, è proprio la scuola, per la sua posizione di centralità rispetto ai vari stakeholder, che deve sforzarsi di educare, oltre che istruire, specialmente nel campo delle emozioni, rappresentare il centro di analisi, attività, formazione, incontro di tutti i soggetti coinvolti nel tema del bullismo. In altre parole, vogliamo che la scuola rappresenti il vero luogo di aggregazione dei nostri figli e rappresenti il più serio concorrente di tutti i social che la rivoluzione digitale ha portato con sé dimenticando la componente essenziale dello stare insieme. Solo un tale lavoro può meglio mettere in evidenza le peculiarità e le cause di un fenomeno responsabile di pericolose discriminazioni ed esclusioni sociali, specie nella scuola dove dovrebbero prevalere i rapporti umani improntati al dialogo ed al civile confronto che rappresentano la base di una solida cultura civile e democratica. Ci impegneremo ad organizzare incontri su questo tema in collaborazione con la scuola, per costruire un rapporto di collaborazione continuativa e proporre un punto di riferimento per i ragazzi e i genitori che si dovessero trovare in difficoltà. Infine, riteniamo che il problema non può essere lasciato in mano al mondo della informazione spesso alla ricerca del clamoroso e più portato, per sua natura, a porre in risalto la punta dell’iceberg, piuttosto che l’insieme delle cause che fanno affiorare questo segnale d’allarme.

 

Il comitato AGSEP è completo! Potrete trovare tutti i dettagli nel verbale della riunione dei rappresentanti di classe del 18 febbraio dove il comitato è stato completato con 16 rappresentanti di classe ed è ora formato da 21 genitori volontari. In passato questo comitato veniva chiamato Consiglio di Amministrazione (Management Board) dell’AGSEP.

AGSEP 2019 02 18 CC Minutes IT BOZZA (347.6 KiB, 7 downloads)

Cari Genitori, da Lunedì 1° Aprile uno o più membri della commissione dell’AGSEP sarà disponibile per ascoltare e parlare con tutti voi genitori in due diverse postazioni! Cercheremo di trovare una risposta per tutte le vostre domande e di darvi informazioni su tutto ciò che vorrete sapere della nostra scuola. Ma siamo anche sempre in cerca di buone idee e suggerimenti e naturalmente di volontari che vogliano diventare attivi nella nostra comunità scolastica.

1. A Scuola dalle 8.30 alle 10.30

Ogni lunedì di scuola tra le 8.30 e le 10.30 del mattino potrai incontrare uno dei membri dell’AGSEP. Ci potrete trovare nella stanza di fronte alla Biblioteca, il Nuovo Ufficio dell’AGSEP!

2. All’EFSA dalle 13.30 alle 14.15

Tutti i lunedì tra le 13.30 e le 14.15 i genitori EFSA potranno incontrare un membro della commissione AGSEP in una delle stanze per le riunioni che si trovano al piano terra (per favore controllate prima nel sistema di prenotazione delle stanze dell’EFSA per controllare quale sia quella giusta).

Italiano

2019 02 11 Invite CC Meeting IT (316.2 KiB, 71 downloads)

English

2019 02 11 Invite CC Meeting EN (316.4 KiB, 36 downloads)

Français

2019 02 11 Invite CC Meeting FR (317.2 KiB, 30 downloads)